Share |

L'improvvisa scomparsa di Paolo Pedano

Lo storico titolare della Vini Giorgi muore per un malore mentre si trova nel suo ufficio; lascia la moglie Graziella, due figlie e una nipotina
Paolo Pedano

Trecate - Muore per un malore improvviso mentre si trova nell'ufficio di quella che è stata a lungo la sua attività, la Vini Giorgi con sede in via Isonzo, oggi dopo il suo pensionamento in mano alla moglie Graziella. Se n'è andato così Paolo Pedano (65 anni), senza far rumore, ma lasciando un vuoto incolmabile nelle tantissime persone che lo conoscevano e ne apprezzavano le grandi doti umane, di generosità, altruismo e soprattutto capace di regalare un sorriso a tutti in ogni momento della giornata. Paolo era originario di Salemi (Trapani)  ed era ormai 'cittadino onorario' dell'Oltrepò Pavese (dove aveva conosciuto Graziella Giorgi) e di Trecate, nella quale aveva gestito il negozio di famiglia dedicato alla distribuzione di vini, birre, bibite e acqua per privati, associazioni e attività commerciali. Un vero compagnone, che vedevi sul suo furgone fare chilometri e chilometri ogni giorni, senza sosta, festivi e no, pur di accontentare la sua clientela, felice soprattutto quando lo vedeva arrivare e ascoltare le sue battute e sentire la sua fragorosa risata.

Forse non in molti sanno che è stato anche volontario della Croce Azzurra di Vigevano ove operava il cognato Armando (suo coscritto e oggi anche lui in pensione). E' stato proprio il fratello della moglie ad intervenire per primo intorno alle ore 16 di lunedì 18 ottobre, chiamato dalla sorella, per cercare di rianimare Paolo. Purtroppo a nulla sono valsi gli sforzi; sul posto interveniva anche un'ambulanza del 118 che non poteva far altro che constatare il decesso.

Pedano, grande tifoso della Juventus, lascia oltre alla moglie, col quale era sposato da 37 anni (1984), anche le figlie Sharon e Deborah; da poco era anche nonno della piccola Greta.

Toccante il ricordo di Armando: "Persona di gran cuore, ogni mattina sul gruppo della Croce Azzurra di Vigevano era solito scrivere per primo e augurare a tutti buona giornata alle 6 in punto. Oggi, martedì 19, che è il primo giorno senza il suo messaggio, in tanti hanno scritto per ricordarlo e per sottolineare quanto mancassero i suoi 'meme' o i suoi saluti...".

Il rosario si terrà domani, mercoledì 20 ottobre alle ore 18.30 a Vigevano nella chiesa dell'Addolorata in via Madonna dei 7 Dolori; mentre nella medesima chiesa il giorno seguente, giovedì 21, al mattino si terrà l'ultimo saluto a Paolo. Una brava persona, un onesto e grande lavoratore; un dispensatore di bevande... e di sorrisi che mancherà tantissimo 'al di qua e al di là' del Ticino.

Gianmaria Balboni